Avevo questi ceci da un bel po’, devo risolvere questo mio problema di accumulare legumi e cereali integrali perchè fanno bene e poi dimenticarli in dispensa facendogli perdere le loro belle proprietà. In fondo è solo una questione di organizzazione: devi solo ricordarti di metterli a bagno, il resto è davvero rapido! Per i ceci neri infatti, in particolare, doppi sono i tempi di ammollo e cottura rispetto a quelli normali. Mi ha fatto venire voglia mia suocera, parlandomi della sua pasta e ceci preparata con la pasta fresca fatta da lei. Allora vediamo cosa mi sono inventata 🙂

Ingredienti per 4 persone: ceci neri 200-250 g (purtroppo ho pesato i ceci solo dopo l’ammollo ed erano 300 g, non erano gonfiati molto, da qui ne deduco il peso da secchi), acqua circa 1 litro, carota, sedano, cipolla, 1 spicchio d’aglio, 1 piccola fetta di guanciale tagliata spessa, una manciatina di funghi porcini secchi, 1 foglia di alloro, olio di oliva, sale, parmigiano reggiano. Per i maltagliati, circa 70 g di farina bianca e 30 g di farina di segale (io ho impastato 100 g di bianca e 50 g di segale, ma non li ho buttati tutti).

Preparazione: mettere i ceci neri in ammollo per 24-48 ore, cambiando l’acqua di tanto in tanto. Io li ho tenuti per un giorno e mezzo. Calcolate che per la cottura dei ceci neri occorrono circa 4 ore, a fuoco lento, se avete una bella stufa a legna è meglio! In inverno, cucinare sfruttando il riscaldamento, è la cosa più romantica ed economica che ci sia! Noi abbiamo inaugurato la pentola di rame professionale taaanto voluta da mio marito! Ottima riuscita, devo ammettere. Quindi, terminato l’ammollo, sciaquate l’ultima volta i ceci e passateli in un trito di sedano, carota e cipolla fatto rosolare in olio di oliva (il resto del trito potete congelarlo per futuri usi). Aggiungere l’acqua precedentemente scaldata e portata a bollore e la foglia di alloro, coprire e far cuocere a fuoco basso per tutto il tempo necessario. A circa un’ora dalla fine cottura, tagliare a listerelle la fetta di guanciale e passarlo in padella per far dare il grasso, che tamponerete con un foglio di carta da cucina. Nello stesso padellino, ripulito, passate i funghi scolati e strizzati leggermente, lasciati interi, in un po’ di olio con uno spicchio di aglio. Pochi minuti, poi aggiungete il guanciale e i funghi nella pentola con i ceci, aggiungete il sale e continuate a cuocere. A quel punto potete impastare i maltagliati (se volete potete prepararli anche prima e usarli da secchi) e tirarli con il mattarello fino a circa 1 mm di spessore. Terminata la cottura, con un mestolo tirate sù parte dei ceci con un po’ di brodo, passandoli in un contenitore dalle sponde alte con il frullatore a immersione, poi unite la crema nuovamente alla zuppa. Aggiustate a piacere di sale e regolate con l’acqua (sempre bollente) lo spessore della zuppa se necessario, buttate i maltagliati nella zuppa facendoli cuocere pochi minuti. Servite con una grattata di parmigiano e un filo di olio extravergine di oliva.

Please follow and like us:

0 Comments

Leave a Comment