Laghetto glaciale del Marinet (circa 2800 m), 23 giugno 2020. Scioglimenti e crolli sono sempre più frequenti nelle nostre Alpi, nel cuneese esistono antichi ghiacciai ormai ridotti ai minimi termini da decenni. Questo laghetto è nato dallo scioglimento del ghiacciaio del Marinet, sul versante settentrionale dell’Aiguille de Chambeyron.
Il percorso non è di difficile individuazione: si parte da Chiappera (comune di Acceglio, CN), noi siamo partiti dalle grange Collet (2000 m) raggiungibili con strada sterrata, che porta in quota almeno fino al divieto di transito. Abbiate sempre rispetto dell’ambiente e dei divieti. Si segue il sentiero per il Colle del Maurin, indicato anche con T13 e con bolli rossi e blu del sentiero Roberto Cavallero. Dal colle del Maurin, raggiungibile in un paio d’ore (già fino al colle è una gita stupenda che consiglio a chiunque) si raggiunge il Col de Marinet sul confine francese. Da qui si effettua un lungo traverso a sinistra verso una conca detritica ben visibile dal colle. In assenza di neve si possono seguire gli ometti e le tracce di sentiero, con neve come oggi si passa con un po’ di saliscendi dove si ritiene più agevole fino a portarsi sul bordo della conca detritica che ospita il piccolo lago (30-40 minuti dal colle), indispensabili i ramponi in questo periodo, noi li abbiamo indossati dal Col de Marinet. Ritorno per la via di salita.

Please follow and like us:

0 Comments

Leave a Comment